• Dal 9 luglio 2010 abbiamo avuto

    • 54,094 visite
  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 18 follower

Le scadenze fiscali di luglio: 730, Redditi e Imu/Tasi

Prima delle vacanze riepiloghiamo gli adempimenti che concludono la campagna fiscale 2017 per lavoratori e pensionati.
E’ ufficiale la scadenza per il modello 730 il 22 luglio (essendo sabato quest’anno sarà lunedì 24) per chi lo presenta da solo on line o anche tramite Caf e professionisti, che però devono avere già inviato l’80% delle dichiarazioni all’Agenzia delle Entrate entro il 7 luglio.
La maggior parte dei contribuenti ha già presentato la dichiarazione e quindi per loro la prossima tappa è il conguaglio.
Ricordiamo allora che per i lavoratori avverrà con la busta paga relativa al mese di luglio e per i pensionati con la pensione di agosto, ma potrà slittare al mese successivo per chi ha presentato la dichiarazione tra fine giugno e nel mese di luglio. Entro fine anno arriverà il rimborso Irpef anche a chi non ha il sostituto d’imposta e riceve il rimborso direttamene dell’Agenzia delle Entrate. In caso di controlli preventivi sul modello da parte dell’Agenzia delle Entrate, l’eventuale rimborso avverrà comunque entro sei mesi dalla data di presentazione della dichiarazione.
Per chi presenta invece il Modello Redditi 2017 (l’ex modello Unico) c’è tempo fino al 30 settembre, attenzione però all’acconto Irpef: per gli importi superiori a 257,52 euro la prima rata pari al 40% dell’importo, andava versata entro il 16 giugno. La prossima data da tenere a mente è quella del 31 luglio per poter beneficiare della maggiorazione “minima” pari allo 0,40 delle imposte per i ritardi che non superano i 30 giorni. L’altra scadenza per Unico è il 30 novembre e riguarda esclusivamente i pagamenti: andrà alla cassa chi versa l’ acconto IRPEF unica soluzione (per importi inferiori a 257,52 euro) e chi dopo l’acconto di giugno deve versare la seconda rata pari al restante 60% dell’importo dovuto.
Chi infine non si è ancora messo in regola per Imu e Tasi, ricordiamo che entro il 16 luglio il ravvedimento prevedeva la sanzione dell’1,5% che sale all’1,67% per chi verserà tra il 17 luglio e il 14 settembre e ancora al 3,75% dal 15 settembre in poi.

Guida alle novità fiscali 2017

Qui puoi trovare una utile guida alle novità fiscali per il 2017 ed altri documenti che ti aiuteranno per la compilazione delle dichiarazioni reddituali (730, ISEE, RED, CONTRATTO locazione, assistenza familiare, ecc.) tua e della tua famiglia.

Ricorda di prenotare un appuntamento presso le  Sedi CAF CISL – Provincia di Parma dislocate sul territorio.

caf-guida-2017

elenco-documenti-per-imu-e-tasi

elenco-documenti-successioni

elenco_documenti_730

elenco_documenti_assistenza_familiare

elenco_documenti_contratti_di_locazione

elenco_documenti_modelli_inps-icric-clav-accas-pdf

elenco_documenti_red

elenco_documenti_unico

elenco_documenti_isee

Proroga consegna modello 730-2016 in Gazzetta Ufficiale: c’è tempo fino al 22 luglio

Il 24 maggio era stato firmato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, e con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del 13 giugno è ormai ufficiale la proroga al 22 luglio per la presentazione del 730 2016 tramite Caf e professionisti abilitati.
Più tempo quindi per consegnare ai contribuenti la copia della dichiarazione elaborata e del relativo prospetto di liquidazione la trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate, a condizione che entro il 7 luglio siano però state elaborate almeno l’ottanta per cento delle dichiarazioni del 2016.

Compilazione modello 730 redditi 2015 – Quali documenti portare?

Quali documenti portare al CAAF CISL per la compilazione del modello 730?

Ecco una “chek-list” che aiuterà a non dimenticarsi nulla…

DATI DEL CONTRIBUENTE

  • Tessera Cisl (per poter usufruire delle tariffe ridotte è necessario esibirla in fase di erogazione del servizio)
  • Fotocopia codice fiscale del contribuente, del coniuge e dei familiari a carico, anche per i familiari di extracomunitari
  • Dichiarazione dei redditi dell’anno precedente (730 o Unico), compresa la Certificazione Unica, eventuali deleghe di versamento
  • Modello F24
  • Dati del datore di lavoro che effettuerà il conguaglio a Luglio
  • Fotocopia documento del dichiarante/richiedente
  • Delega Precompilato
  • Delega alla consegna per conto di altri

REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE/PENSIONE E ASSIMILATI

  • Certificazione Unica
  • Certificato delle pensioni estere
  • Assegni periodici percepiti dal coniuge, in base a sentenza di separazione o divorzio
  • Attestazione del datore di lavoro, delle somme corrisposte a COLF o BADANTI

Continua a leggere

730 2016, tra novità e proroghe tutto quello che c’è da sapere sulla dichiarazione di quest’anno

Redditi:
Conferma per il bonus Irpef, i famosi 80 euro, che è stato e reso strutturale. Per l’anno 2015 l’importo del credito è di 960 euro per i possessori di reddito complessivo non superiore a 24.000 euro; in caso di superamento del predetto limite, il credito decresce fino ad azzerarsi al raggiungimento di un reddito complessivo pari a 26.000 euro.
Ricordiamo che Colf, badanti e assistenti familiari che nel 2015 hanno avuto un reddito imponibile complessivo compreso tra 8.000 e 26.000 euro, hanno diritto a ricevere il bonus di 80 euro mensili. Come? Esclusivamente presentando il modello 730, ma attenzione, questi soggetti devono obbligatoriamente presentarlo tramite Caf: sono infatti esclusi dalla presentazione del modello 730 precompilato.

Invece, per il 2015 non è riconosciuta la tassazione agevolata per “Somme per incremento della produttività”.

Detrazioni
Spese scolastiche e universitarie
La legge 13 luglio 2015 n. 107, cosiddetta “La buona scuola”, ha introdotto una detrazione per le spese per la frequenza delle scuole di ogni ordine e grado, dalle scuole per l’infanzia alle superiori, sia pubbliche che paritarie private. La nuova detrazione IRPEF è pari al 19% e si applica su una spesa annua non superiore ai 400,00 euro per alunno o studente. Il risparmio massimo è quindi di 76,00 euro (19% di 400,00).
Per l’Università, è’ riconosciuta una detrazione del 19 % delle spese per la frequenza di corsi presso università statali e non statali, in misura non superiore, per le università non statali, a quella stabilita annualmente per ciascuna facoltà universitaria con un apposito decreto del Ministero dell’istruzione.

Novità anche sulla detrazione per le spese funebri: non è più richiesta la relazione di parentela con la persona per la quale si sono sostenute le spese del funerale. Ricordiamo che la detrazione è pari al 19% per un importo massimo di 1.550 euro.

Risparmio con il 730 anche per chi nel 2015 ha sostenuto un arbitrato: per il compenso corrisposto all’avvocato potrà godere di un credito d’imposta per un massimo di 250 euro.

Anche quest’anno, chi vive in un appartamento di Edilizia Residenziale Pubblica e ha un reddito inferiore a 30.987,41 euro può avere un bonus presentando il modello 730. Per usufruire dell’agevolazione che verrà riconosciuta direttamente in busta paga o pensione a luglio/agosto 2016 si dovrà presentare al Caf l’attestazione dell’Ente proprietario dell’alloggio che specifichi che l’immobile possiede i requisiti previsti dal decreto del 22 aprile 2008.

Agevolazioni per gli iscritti – Modelli 730/Unico 2016

Opportunità per gli iscritti alla Federazione CISL Università di Parma.

Recandoti in ogni CAF CISL a Parma e provincia ed esibendo la tua tessera di iscrizione, potrai usufruire di una tariffa agevolata per la compilazione della dichiarazione dei redditi.

In particolare per la compilazione del 730/UNICO 2016 dovrai pagare soltanto 10 euro. La dichiarazione sarà gratuita in caso di modello precompilato correttamente.

Anche il coniuge potrà usufruire di condizioni vantaggiose: pagherà 25 euro per la compilazione da parte del CAF e 15 euro per la dichiarazione precompilata.

Ti ricordo che la tessera associativa dà diritto a tutta una serie di agevolazioni tariffarie sui servizi offerti, come puoi vedere consultando il tariffario (Tariffario tutti servizi CISL 2016) o visitando il sito

http://www.cislparmapiacenza.it/

Patrizia Tagliavini

Segretario Provinciale Federazione Cisl Università di Parma

TUTTE LE NOVITÀ DEL 730 2016

Ci sono parecchie novità per quanto riguarda la dichiarazione dei redditi 2016 (Mod. 730 e UNICO)

Bonus IRPEF, detrazioni per recupero patrimonio edilizio, documentazione da presentare…

In allegato potrai trovare la newsletter del CAAF CISL che ti aiuta a capire cosa fare.

Leggi qui la newsletter