• Dal 9 luglio 2010 abbiamo avuto

    • 55,572 visite
  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 18 follower

Bonus “Mamma domani”: alcune specificità

L’accesso al bonus “Mamma domani”, un premio di 800 € per la nascita o l’adozione di un minore, prevede alcune specificità. Vediamole insieme.

L’Inps provvede a corrispondere – su richiesta della gestante o madre del minore – il pagamento, in un’unica soluzione, della somma per ogni evento ed in relazione ad ogni figlio: ciò significa che l’Inps eroga tanti bonus quanti sono i bambini nati o adottati/affidati.

Il premio non concorre alla formazione del reddito complessivo.

 

La domanda

Per ogni minore dovrà essere presentata un’unica domanda: se è stata già presentata quella per il compimento del 7° mese di gravidanza non si dovrà quindi presentarne un’altra in relazione all’evento nascita; allo stesso modo, la richiesta di bonus per l’affidamento preadottivo non può essere rinnovata anche in occasione della successiva adozione dello stesso minore.

Nel caso di parto plurimo, invece, se è stata già presentata domanda al compimento del 7° mese, la stessa andrà successivamente inoltrata anche in seguito alla nascita, corredata di tutte le informazioni relative a tutti i minori nati, necessarie per l’integrazione del premio già richiesto.

Nel caso in cui la mamma – o futura tale – sia minorenne o risulti incapace di agire per altri motivi ed abbia un legale rappresentante, l’istanza dovrà essere inoltrata da quest’ultimo.

Termini di presentazione della domanda

La domanda può essere presentata dal 4 maggio 2017, per gli eventi che si sono verificati a partire al 1° gennaio 2017.

L’invio della richiesta deve avvenire dopo il compimento del 7° mese di gravidanza e, improrogabilmente, entro 1 anno dal verificarsi dell’evento nascita/adozione.

Il termine di un anno dalla nascita/adozione, per i soli eventi verificatisi dal 1° gennaio al 4 maggio 2017 – data di attivazione della procedura – decorre dal 4 maggio.

Anche nel caso di interruzione di gravidanza successiva al compimento del 7° mese di gestazione, è possibile richiedere il nuovo beneficio con documentazione che comprova l’evento.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: