• Dal 9 luglio 2010 abbiamo avuto

    • 55,572 visite
  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 18 follower

PRIMA ASSEMBLEA UNITARIA DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA DI CGIL CISL UIL ER

il 12 dicembre 2017  si è svolta a Bologna la prima “ASSEMBLEA UNITARIA DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA DI CGIL CISL UIL” dell’Emilia Romagna.

Leggi il comunicato stampa.

Comunicato stampa assemblea RLS – Emilia Romagna

 

Annunci

Comunicato AFAM del 6 dicembre 2017

Nei giorni scorsi si è tenuto un incontro tra l OO.SS. e funzionari del Miur per discutere delle problematiche dei lavoratori AFAM.

In allegato il comunicato

COMUNICATO AFAM 6 DICEMBRE 2017

Dossier Cisl sulla previdenza 2017. Un contributo per districarsi nel complicato mondo delle pensioni

Con il verbale di accordo del 28 settembre 2016 sembra essersi riaperto nel Paese il dialogo sociale sulle pensioni che mancava da molto tempo. Nel documento, siglato dal Governo con CGIL, CISL, UIL sono state previste alcune misure dirette a facilitare l’accesso alla pensione di migliaia di lavoratori.

Non è la flessibilità richiesta dai sindacati, le cui proposte avevano una portata più ampia, ma si tratta comunque di misure importanti, finanziate con 7 miliardi di euro, che sono state recepite nella legge di bilancio per il 2017.  Nel Dossier Previdenza 2017 la Cisl intende fornire informazioni fondamentali per districarsi nel complicato mondo delle pensioni partendo dal document osiglato dal Governo con CGIL, CISL, UIL il 28 settembre 2016.

Continua a leggere

Atto di indirizzo – Rinnovo CCNL 2016/2018 comparto “Istruzione/Ricerca”

In data 19 ottobre 2017 il Ministro Madia ha emanato l’Atto di indirizzo propedeutico al rinnovo dl CCNL per il 2016/2018.

Leggi l’atto di indirizzo

 

 

 

Esiti del confronto tra Governo e Sindacati per la previdenza

Leggi il volantino che illustra i principali risultati ottenuti.

Volantino – novembre 2017

Rottamazione BIS cartelle esattoriali, via alle adesioni

Il decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio apre la possibilità di aderire alla definizione agevolata per i contribuenti “esclusi” dalla prima rottamazione:
• chi ha aderito alla prima rottamazione ma non ha versato le rate del 2017
• chi aveva presentato domanda per la prima rottamazione ma era stata rigettata perché non era in regola con le rate relative al 2016
• chi presenta domanda per la prima volta per i debiti affidati all’Agente della Riscossione dal 1 gennaio 2017
Con la nuova sanatoria si pagano gli importi delle cartelle esattoriali, gli interessi, i titoli di aggio della riscossione, le spese di notifica e di rimborso. Non si pagano invece gli interessi di mora e sanzioni. Vediamo i tre casi e soprattutto le scadenze: 30 novembre nel primo caso, 31 dicembre nel secondo e 31 marzo 2018 per il terzo.
Chi non ha pagato la prima (o unica) rata prevista a luglio o quella di settembre 2017, potrà mettersi in regola senza perdere i benefici previsti dalla definizione agevolata, pagando quanto previsto entro il prossimo 30 novembre. Basterà riutilizzare i bollettini già ricevuti dall’Agenzia delle Entrate- Riscossione, senza bisogno di ulteriori comunicazioni.
Per i contribuenti “riammessi” alla rottamazione la scadenza per ripresentare una nuova istanza di adesione è il 31 dicembre 2017. Dovranno poi versare le rate non corrisposte relative al 2016 entro il 31 maggio 2018, in caso di mancato versamento delle rate scadute entro tale data l’istanza non sarà accettata, mentre a fronte del pagamento l’Agenzia delle Entrate- Riscossione invierà entro il 31 luglio 2018 la comunicazione per il pagamento delle somme condonate più gli interessi di mora pari al 4,5% calcolare a partire dal 1° agosto 2017, che e si potranno versare in un’unica soluzione o con al massimo 3 rate, con scadenza settembre, ottobre e novembre 2018. Continua a leggere

Incontro ARAN – Sindacati per il rinnovo del CCNL

Si è tenuto, nei giorni scorsi, un incontro tra le OOSS maggiormente rappresentative e l’ARAN per definire in termini generali i tempi ed i metodi per il rinnovo del CCNL del comparto Istruzione e Ricerca.

Leggi il comunicato.